Il futuro della Terni X Terni = anch'io è nella ricerca scientifica atta a sostenere l'utilizzo delle Cellule Staminali "

L’iniziativa della “Terni X Terni = Anch’io” nasce nel 1994 su sollecitazione della popolazione ternana che si vedeva costretta a recarsi a Perugia per fare la radioterapia oncologica con l’Acceleratore lineare visto che nell’Ospedale di Terni si usava ancora la Cobaltoterapia. La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” O.N.G., diede origine ad una iniziativa di raccolta fondi che in pochi mesi raccolse quasi un miliardo di vecchie lire che le permise di acquistare l’acceleratore lineare ed un mammografo per la prevenzione del tumore al seno.

Da quel momento e fino ad oggi quella moltiplicazione ideale “Terni X Terni” che per risultato era “=” ad “Anch’io” ancora oggi determina azioni e risultati a sostegno dei cittadini e delle cittadine di Terni alle prese con le malattie tumorali. Come non ricordare, in termini temporali, la creazione del Centro Salute Donna? Come on ricordare l’acquisto del secondo mammografo digitale per abbattere le liste d’attesa delle donne in età di screening?

Come non ricordare l’impegno delle donne con la “Terni X Terni Donna” durante il periodo di Covid19 con le sue iniziative denominate “Progetto Venere” e “Filo d’Arianna” per stare vicino alle donne malate di tumore al seno?

E’ per questa ragione che la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” ON.G. ha inviato alla Fondazione “Cellule Staminali” una lettera avente per oggetto una manifestazione d’interesse atta a sostenere la ricerca sulle cellule staminali.

Le cellule staminali sono usate nella ricerca medica nella speranza di poter un giorno sostituire qualsiasi organo malato del corpo, ricreandolo in laboratorio (Medicina Rigenerativa). Nella ricerca oncologica si usano soprattutto per studiare i geni coinvolti nella proliferazione cellulare incontrollata, che è alla base dei tessuti. Le staminali tumorali sono quindi un bersaglio importante per le terapie anticancro, ma non sono ancora uno strumento di cura.

Le cellule staminali non tumorali sono presenti in tutti gli organismi e servono per il differenziamento e la riparazione dei tumori.

Sono anche studiate nella speranza che aiutino a curare diverse malattie e, nel caso dei tumori, sono già usate per la terapia dei tumori del sangue.

La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” O.N.G. con la sua iniziativa “Terni X Terni = Anch’io” vuol lanciare l’ennesimo obiettivo da raggiungere con tutta la “Città di Terni” ed i suoi cittadini partendo dall’esperienza già in atto e non disperdendo un patrimonio di ricerca ed operosità che potrebbe far tornare la Città di Terni ed il suo Ospedale punto di riferimento per quanti hanno bisogno di cure e concreta solidarietà.

I cittadini e le cittadine di Terni hanno sempre utilizzato la loro iniziativa “Terni X Terni = Anch’io”, ben consapevoli dei risultati acquisiti e degli oltre, dal 1994, 5 milioni di euro raccolti per l’acquisto di beni e strumenti per la prevenzione e cura dei tumori: perché non utilizzare questo patrimonio cittadino di anziani e donne volontarie per questa ennesima scommessa atta a rilanciare la città, anche, nel campo della ricerca scientifica, con la consapevolezza di POTER CONTARE sulla capacità di organizzare tale movimento solidale da parte della FAV?

“Aiutateci ad aiutare” è stato lo slogan che ha alimentato quell’ “Anch’io” della città “Terni X Terni” riuscendo a fare miracoli.

La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” O.N.G. vuol lanciare alla città di Terni la grande sfida della Medicina Rigenerativa che va oltre il trapianto e consiste nel riprogrammare le cellule staminali adulte in modo da ottenere anche tessuti diversi: in pratica il tentativo è quello di aumentare le potenzialità di specializzazione delle staminali adulte per poter rigenerare qualsiasi tessuto senza ricorrere alle staminali embrionali.

Alcune riprogrammazioni hanno già avuto successo nell’Ospedale di Terni, dalle cellule staminali adulte MESENCHIMALI è possibile ottenere le cellule del sistema nervoso o le cellule del pancreas che producono insulina.

Al momento, però, nessuna terapia con cellule mesenchimali è entrata nella pratica clinica, si tratta sempre di procedure sperimentali ancora al vaglio della comunità scientifica, che la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” O.N.G., a nome e per conto della città di Terni con la sua iniziativa “Terni X Terni = Anch’io”, vuol continuare ad alimentare e sviluppare.