Abbiamo avuto l’onore e l’onere di rappresentare la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” alla manifestazione organizzata dall’Ambasciata Italiana in Minsk: “La Settimana della Cucina italiana nel Mondo”, per promuovere la nostra idea di Patto Etico.

La manifestazione è alla terza edizione ed i responsabili dell’Ambasciata Italiana hanno confermato che questa edizione è stata la miglior espressione di questa iniziativa sia per la qualità dei prodotti presentati sia per la quantità dei produttori partecipanti.

Un merito particolare va all’interlocutore principale al quale l’Ambasciata ha affidato la regia sia per la location dove si è svolta la manifestazione sia per la particolare abilità con la quale l’iniziativa è stata condotta.

Parliamo naturalmente di uno chef di fama internazionale, IGNAZIO ROSA, il quale gestisce il ristorante locale “La Scala” di Minsk dove si è svolta la manifestazione.

Ignazio Rosa ha portato avanti un’azione proficua di intermediazione con gli imprenditori bielorussi invitandoli a partecipare all’evento.

Ha fatto una presentazione degli imprenditori italiani agli intervenuti descrivendo i loro prodotti ed ha costruito l’intera manifestazione mettendo a disposizione la sua professionalità e quella dei suoi collaboratori.

Alla prima serata è stata presentata la pizza italiana invitando alcuni pizzaioli italiani fra i più accreditati i quali si sono esibiti con le pizze tradizionali alla presenza dell’intera Ambasciata e alcuni imprenditori italiani e bielorussi invitati per l’occasione.

Nella seconda serata ha presentato la pasta italiana fornita dalla ditta “Pasta di Camerino” condita dagli ottimi tartufi bianchi e neri della ditta “Milano Tartufi srl” e con olio dell’Azienda Agricola Locci di Giano dell’Umbria.

Zuppa con lenticchie e farro forniti dall’Azienda Agricola Piconi di Cascia e per finire con la degustazione di ottimi vini forniti dalla Società DO.NA. di Spoleto, Agricola Romanelli di Montefalco e dalle Aziende rappresentate dalla DO.NA. di Spoleto, Agricola Romanelli di Montefalco e dalle Aziende rappresentante dalla DO.NA. Futuro DiVino, Giorgi, Arcadia S.A. (Vigneti le Monde) Mantì Franciacorta, Argillae, Mare Aperto e Sapurè.

 

La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” ha svolto un ruolo determinante in quanto ha messo in campo la sua ventennale esperienza e conoscenza delle tradizioni bielorusse.

Ha svolto attività di coordinamento fra l’Ambasciata Italiana, la Rappresentanza della Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” di Minsk, Ignazio Rosa e gli imprenditori italiani.

Ha messo a disposizione i mezzi per i trasferimenti in Minsk ed i collaboratori per le attività di interpretariato negli incontri fra imprenditori italiani e bielorussi.

Ha rappresentato le 12 aziende italiane con una settimana di intenso lavoro, la programmazione dei turni di lavoro, esposizione dei prodotti presentati ed intermediazioni varie.

Pensiamo di aver raggiunto un soddisfacente obiettivo e nei prossimi giorni potremo avere conferma di quanto seminato per continuare ad alimentare il sogno di veder realizzata la nostra idea di patto “etico”.

Tutte le componenti in gioco consapevoli di fare la loro parte con i propri interessi specifici ma sempre con l’intento di mettere a disposizione della Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” quelle risorse atte a sostenere la sua azione a favore della popolazione infantile bielorussa.

La manifestazione ha avuto un ottimo epilogo con la “Serata di Gala” di giovedì 29 novembre, all’Hotel Marriot di Minsk, organizzata dall’Ambasciata Italiana in Minsk.

Un grazie particolare all’ambasciata Italiana, ad Ignazio Rosa ed agli Imprenditori Italiani per la loro presenza.

 

Luciano Braconi

 Piero Frattaroli