Ultime dalla Fondazione

Rimani aggiornato con tutte le nostre iniziative

30 giorni di Preparazione per consacrarsi a Maria Santissima - Dodicesimo giorno

Il 26 maggio 2022 sarà la ricorrenza della prima Consacrazione alla Madonna della Fondazione Aiutiamoli a Vivere avvenuta il 26 maggio del 2019 ad Osimo.

In preparazione a tale occasione, che verrà celebrata il 26 maggio 2022 a Bagnoregio, con le Suore del Verbo Incarnato, pubblichiamo ogni giorno gli esercizi preparatori alla Consacrazione. 

"Mese di Preparazione Per consacrarsi a Maria Santissima in materna schiavitù d'amore secondo San Luigi Maria Grignion di Montfort" - A cura dei sacerdoti e seminaristi dellaCasa di Formazione "San Vitaliano Papa"

Dodicesimo giorno

Trattato:[105-114]

La vera devozione a Maria

Dopo che il Santo ci ha mostrato le false devozioni alla Vergine Santa, ci da cinque caratteristiche per definire come sia la vera devozione:

a) Devozione interiore: La vera devozione a Maria è interiore; parte, cioè, dalla mente e dal cuore; deriva dalla stima che si ha di lei e dall’amore che si nutre per lei.

b) Devozione tenera: La vera devozione a Maria è tenera, vale a dire piena di fiducia nella Vergine Santa, di quella stessa fiducia che un bambino ha verso la propria mamma. Essa spinge l’anima a rivolgersi a lei per l’aiuto, come ad una mamma, in ogni tempo, in ogni luogo e in ogni cosa: nei dubbi per essere illuminato, nei traviamenti per ritrovare il cammino, nelle tentazioni per essere sostenuto, nelle debolezze per essere fortificato, nelle cadute per essere rialzato, negli scrupoli per esserne liberato, nelle croci, fatiche e contrarietà della vita per essere consolato.

c) Devozione santa: La vera devozione a Maria è santa, cioè conduce l’anima ad evitare il peccato e ad imitare le virtù della Vergine.

d) Devozione costante: La vera devozione alla Vergine è costante: conferma l’anima nel bene e la induce a non abbandonare facilmente le pratiche di pietà. La rende coraggiosa nell’opporsi alle massime del mondo, alle molestie e agli stimoli della carne, e alle tentazioni del demonio. Se cade, si rialza tendendo la mano a colei che è sua buona madre, se si trova senza gusto né fervore sensibile, non se ne affligge. Infatti il giusto e il devoto fedele di Maria vivono della fede di Gesù e di Maria, e non dei sentimenti della natura.

e) Devozione disinteressata: Un vero devoto di Maria non serve questa augusta Regina per il proprio bene temporale o eterno, corporale o spirituale, ma unicamente perché Ella merita di essere servita, e Dio solo in lei. L’ama e la serve fedelmente, sia nelle freddezze e nelle aridità che nelle dolcezze e nei fervori sensibili.

San Luigi, confida tanto in questa devozione, che conclude questo capitolo dicendo: “Se sapessi che il mio sangue colpevole potesse servire a far penetrare nei cuori le verità che scrivo in onore della mia amata Madre e augusta Sovrana, me ne servirei, invece dell’inchiostro, per tracciare questi caratteri.”

Pratiche di preparazione

1) Mettersi alla presenza di Dio.

2) Chiedere la grazia di avere una conoscenza di noi stessi: “Che io conosca me stesso, Signore”

3) Lettura: Il peccato è un disprezzo che si fa a Dio. (Tratto dal libro Via della salute, di sant’Alfonso Maria de’ Liguori).

“Ecco come lo stesso Dio lo dichiara, e ne fa espressi lamenti:

Ho nutrito dei figli e li ho allevati, ma essi si sono ribellati a me (Is I, 2). Io ho sollevato i miei figli, li ho

conservati e nutriti; ma essi con barbara ingratitudine mi hanno disprezzato. Ma chi è questo Dio,

che da questi uomini è disprezzato? È il Creatore del cielo e della terra: è un bene infinito, un Signore

così grande, che a suo confronto tutti gli uomini e tutti gli angeli sono come una goccia di acqua

ed un granello di sabbia, come il pulviscolo sulle bilance (Is 40, 15).

Insomma, tutte le creature davanti alla sua infinita grandezza sono come se non fossero.

Ma, oh Dio, che ho fatto! Voi, mio Redentore avete tanto stimata l’anima mia che ci avete speso il sangue per non vederla perduta, ed io ho voluto perderla per niente, per un capriccio, per uno sfogo di rabbia, per un misero diletto, disprezzando la vostra grazia e il vostro amore!

Ah mio Dio, e chi son io che vi ho disprezzato? Un povero verme che niente può ed altro non ha, se non quello che voi avete dato per vostra bontà. Voi mi avete dato l’anima, il corpo, l’uso della ragione e tanti beni su questa terra; ed io di tutto mi son servito per offender voi, mio benefattore. Che più? Nello stesso tempo che da voi m’era conservata la vita, affinché io non cadessi nell’inferno che meritavo, io seguitavo a maltrattarvi. Ah mio Salvatore, e come avete avuto tanta pazienza con me! Misero me, quante

notti ho dormito in disgrazia vostra.

O Maria, rifugio dei peccatori, soccorrete un peccatore, che a voi si raccomanda.

Litanie allo Spirito Santo

Signore pietà- Signore pietà

Cristo pietà - Cristo pietà

Signore pietà- Signore pietà

Cristo, ascoltaci - Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici - Cristo, esaudiscici

Padre del cielo, Dio                                                                          Abbi pietà di noi

Figlio redentore del mondo, Dio

Spirito Santo, Dio

Santa Trinità, unico Dio

Spirito del Signore, che aleggiando sulle acque all’inizio della

creazione le fecondasti

Spirito per la cui ispirazione hanno parlato i santi uomini di Dio

Spirito la cui unzione ci insegna tutto

Spirito testimone di Cristo

Spirito di verità che ci suggerisci ogni cosa

Spirito che ti posi su Maria                                                             Abbi pietà di noi

Spirito del Signore che riempi tutta la terra

Spirito di Dio che abiti in noi

Spirito di sapienza e intelletto

Spirito di consiglio e fortezza

Spirito di scienza e pietà

Spirito del timore del Signore

Spirito di grazia e misericordia

Spirito di virtù, di dilezione e di sobrietà

Spirito di fede, di speranza, di amore e di pace

Spirito di umiltà e di castità

Spirito di benevolenza e di mansuetudine

Spirito della grazia multiforme

Spirito che scrutasti anche le profondità di Dio

Spirito che chiedi per noi con gemiti inenarrabili

Spirito che discendesti sopra di Cristo sotto forma di colomba

Spirito nel quale rinasciamo

Spirito per il quale la carità è diffusa nei nostri cuori

Spirito di adozione dei figli di Dio

Spirito che apparisti sopra i discepoli in lingue di fuoco

Spirito del quale sono ripieni gli Apostoli

Spirito che dividi i doni tra i singoli come vuoi

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo - Perdonaci o Signore

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo - Esaudiscici o Signore

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo - Abbi pietà di noi

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato con le iniziative e le attività della Fondazione
Image
Una Sede Nazionale sempre più “Casa dell’Accoglienza dei minori, dei comitati e delle famiglie italiane” con un ruolo ottenuto attraverso i risultati concreti e riconosciuto.

Operiamo nel mondo

Image

Fondazione Aiutiamoli a Vivere - Via 20 Settembre 166 05100 Terni (TR) - P.I./C.F. 91017220558

IBAN FONDAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE:
Banca Intesa Sanpaolo
IT29R0306903018100000000352

 

▶ IBAN: IT13U0364601600526185907522
      intestato a Pacifici – Fondazione

A SOSTEGNO DEI PROGETTI:
Causale: PROGETTO UCRAINA
Causale: PROGETTO TERNI X TERNI = DONNA
Causale: PROGETTO SPESA PERSONALIZZATA

© 2020 Fondazione Aiutiamoli a Vivere. Tutti i diritti riservati | Created by WalterMarketing