Ultime dalla Fondazione

Rimani aggiornato con tutte le nostre iniziative

Ucraina al buio, stanno per essere consegnati i generatori donati dal comitato di Caravaggio

Stanno per essere consegnati in Ucraina i generatori di corrente donati a Padre Eugen Giurgica grazie al contributo del Comitato di Caravaggio della Fondazione Aiutiamoli a Vivere.

Vista la grave situazione, come potete leggere dall'articolo, rinnoviamo l'appello a sostenere il Progetto Ucraina per l'acquisto di altri generatori di corrente attraverso una donazione:

IBAN: IT13U0364601600526185907522
intestato a Pacifici – Fondazione

Causale: PROGETTO UCRAINA

WhatsApp Image 2022 11 22 at 09.29.01

Dal sito dell'Ansa (clicca qui per visualizzare l'articolo)

Ucraina: Kiev al buio, salta piano elettricità. Ed è allarme su Zaporizhzhia

Mosca fa sapere "di non voler provocare un cambio di regime in Ucraina"

Il Generale Inverno, in un Paese con le reti energetiche e sanitarie al collasso, "mette a rischio la vita di milioni di persone".

L'allarme è stato lanciato dall'Oms, al termine di un'altra giornata ad alta tensione intorno alla centrale di Zaporizhzhia.

I raid degli ultimi due giorni hanno quasi sfiorato i reattori, ha avvertito l'Aiea, annunciando una visita all'impianto per verificare i danni.
    Mentre le parti in conflitto, ancora una volta, si sono accusate a vicenda di voler provocare un incidente nucleare. Più concilianti, invece, i messaggi del Cremlino su Zelensky: il nostro obiettivo, ha assicurato Dmitry Peskov, non è un cambio di regime a Kiev.
 
   I nuovi attacchi nell'area della più grande centrale d'Europa, i primi dopo due mesi, non hanno ancora provocato il disastro tanto temuto, ma ormai ci si affida al caso. "Anche se non c'è stato un impatto diretto sui principali sistemi di sicurezza dell'impianto, le bombe si sono avvicinate pericolosamente. Stiamo parlando di metri, non di chilometri", ha avvertito il direttore generale dell'agenzia internazionale per l'energia atomica Rafael Grossi. Che dopo una serie di consultazioni con i leader mondiali, ha deciso di inviare un team sul posto. "Nonostante la gravità dei bombardamenti, le apparecchiature chiave sono rimaste intatte e non ci sono problemi immediati di sicurezza nucleare", ha poi sottolineato il direttore generale dell'Aiea dopo l'ispezione alla centrale di Zaporizhzhia. "Lo stato dei sei reattori è stabile e l'integrità del combustibile esaurito, del combustibile fresco e dei rifiuti radioattivi a bassa, media e alta attività nelle rispettive strutture di stoccaggio è stata confermata". Ma i danni diffusi in tutto il sito sono "motivo di grande preoccupazione".

    Mosca ha accusato Kiev dei raid. Il capo dell'agenzia nazionale per l'energia atomica, Rosatom, ha messo in guardia dal "rischio di un incidente nucleare", affermando che gli ucraini lo avrebbero messo in conto, pur di ottenere un successo militare. Sono i russi che utilizzano una "tattica per interrompere le forniture di energia agli ucraini e per farci morire di freddo", è stata la replica del ministero della difesa ucraino. E il presidente Volodymyr Zelensky, collegandosi con l'assemblea parlamentare della Nato a Madrid, ha chiesto agli alleati di proteggere gli impianti nucleari dal "sabotaggio russo". I deputati dei Paesi membri, senza entrare nel merito di Zaporizhizhia, hanno di fatto accolto l'appello del leader ucraino. Adottando una risoluzione che qualifica "lo Stato della Russia, con il suo regime attuale", come "terrorista", e invita i governi a continuare a fornire aiuti militari a Kiev.

    Quanto agli sviluppi del conflitto sul terreno lo stesso Zelensky (che ha parlato al telefono anche con Emmanuel Macron) ha riferito che "le battaglie più feroci sono in corso della regione di Donetsk", e che l'esercito russo ha "bombardato l'est per 400 volte" in un solo giorno, mentre al sud gli ucraini "stanno mantenendo la difesa". Su questo fronte i raid hanno continuato a investire Kherson con danni alle "infrastrutture civili", provocando un morto e tre feriti, hanno reso noto le autorità locali. Nel capoluogo dell'oblast, tornato in mano ucraina una decina di giorni fa, la procura di Kiev ha dichiarato di aver scoperto "quattro luoghi di tortura" utilizzati durante l'occupazione russa. All'interno sono stati trovati "manganelli, mazze e un dispositivo per dare scosse elettriche". Mosca invece ha rilanciato le accuse contro i militari ucraini di aver giustiziato dieci soldati che si erano arresi, su cui l'Onu sta indagando. "Troveremo i responsabili e li puniremo", ha assicurato Peskov.

    Lo stesso Peskov è apparso invece più sfumato nei toni e vagamente distensivo circa i piani russi per il prossimo futuro.
    "La Russia vuole raggiungere i suoi obiettivi, e li raggiungerà", ha risposto a Zelensky, che accusava Mosca di puntare ad una finta tregua per riorganizzare le truppe. Ma questi obiettivi "possono essere raggiunti in vari modi e formati", ha precisato il portavoce di Putin, tenendo a puntualizzare che tra essi non c'è un cambio di regime a Kiev.
    Inoltre, ha aggiunto, non ci sono piani per una seconda chiamata alle armi per i riservisti, dopo la mobilitazione di settembre.
    Al momento, quindi, il nemico più pericoloso per gli ucraini è l'inverno. "Il freddo può uccidere", ha avvertito il direttore di Oms Europa Hans Kluge, sottolineando che 10 milioni di persone sono senza elettricità e riscaldamento a temperature che potrebbero scendere fino a -20. Le autorità locali, per prevenire una catastrofe, hanno consigliato ai residenti degli oblast di Kherson e Mykolaiv di trasferirsi in zone in cui le infrastrutture critiche hanno retto meglio all'onda d'urto dei missili russi. 

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato con le iniziative e le attività della Fondazione
Image
Una Sede Nazionale sempre più “Casa dell’Accoglienza dei minori, dei comitati e delle famiglie italiane” con un ruolo ottenuto attraverso i risultati concreti e riconosciuto.

Operiamo nel mondo

Image

Fondazione Aiutiamoli a Vivere - Via 20 Settembre 166 05100 Terni (TR) - P.I./C.F. 91017220558

IBAN FONDAZIONE AIUTIAMOLI A VIVERE:
Banca Intesa Sanpaolo
IT29R0306903018100000000352

 

▶ IBAN: IT13U0364601600526185907522
      intestato a Pacifici – Fondazione

A SOSTEGNO DEI PROGETTI:
Causale: PROGETTO UCRAINA
Causale: PROGETTO TERNI X TERNI = DONNA
Causale: PROGETTO SPESA PERSONALIZZATA

© 2020 Fondazione Aiutiamoli a Vivere. Tutti i diritti riservati | Created by WalterMarketing