Hai condiviso con la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere”, conoscendo il volto di un bambino il vero amore ed insieme ad esso hai dedicato la tua vita all’accettazione di tutto ciò che è , è stato, sarà e non sarà.
Insieme alla Fondazione “Aiutiamoli a Vivere”, alle famiglie del Comitato di Moncalieri, che hanno accolto un bambino bielorusso proveniente dalle aree contaminate dalla Centrale Nucleare di Chernobyl, hai toccato con mano che le persone felici non lo sono necessariamente perché hanno il meglio di tutto, ma coloro, soprattutto i “TUOI BAMBINI”, come amavi definirli, che traggono il meglio da ciò che hanno o che gli viene donato.
In quei luoghi, così lontani e freddi, hai scoperto che la vita non è questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare felici scaldandosi con l’amore dell’accoglienza nel focolare domestico.
Grazie Mario, non ti dimenticheremo, e sappi che non sarà vano il tuo donare amore ad un bambino con gesti di concreta solidarietà.

La Fondazione “Aiutiamoli a Vivere”
Il Presidente
Dott. Fabrizio Pacifici