Convegno

La parola del nostro ufficio di Minsk

La parola del nostro ufficio di Minsk

In allegato la relazione dell’Ufficio di Rappresentanza di Minsk della Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” ong

 

“Buon giorno a tutti.

I progetti della Fondazione sono numerosi, e noi – rappresentanza e associazione Pianeta dei bambini (in realtà siamo un organismo unico) operiamo per la loro realizzazione.

Ci sono i progetti importanti che vengono realizzati ogni anno, sono richiesti, sono apprezzati in Bielorussia ed hanno continuità, ci sono i micro progetti mirati e ci sono i progetti nuovi ai quali vi invitiamo ad aderire. Per esempio abbiamo realizzato quest’anno lo stage in Italia di una studentessa bielorussa dell’Università di medicina, la Fondazione ha firmato l’accordo con l’università, e speriamo che questo progetto avrà il suo seguito.

Per la prima volta quest’anno nel nostro ufficio per 10 mesi erano presenti 2 volontari del Servizio civile internazionale Daniele e Lucia. Hanno fatto diverse attività, noi ci siamo trovati bene e speriamo che anche loro hanno fatto una bella esperienza. Lucia è qui presente e vi racconta lei come è andato il loro soggiorno in Bielorussia. E noi aspettiamo altri due civilisti che devono arrivare in Bielorussia a marzo.

Nella realizzazione dei progetti riscontriamo alcune difficoltà.

Quest’anno abbiamo avuto come tra l’altro tutti gli anni precedenti il ritardo dello sdoganamento dei materiali sia con le “vacanze lavoro” che con il “TIR della speranza”. Solo che quest’anno non ci è andata bene perché le dogane hanno fatto le verifiche, hanno constatato l’apertura dei magazzini dove erano il materiale edile e le serre senza l’atorizzazione e hanno aperto le pratiche amministrative sui direttori.

Il TIR della speranza era costretto a cambiare il programma di scarichi per non mettere in difficoltà anche il direttore di Zhabinka.

Questo è successo (come anche negli anni precedenti) perché le istituzioni che hanno ricevuto la merce hanno ritardato ad inoltrare le pratiche al dipartimento delle attività umanitarie, i documenti erano con gli errori, sono stati rimandati indietro ed è stato perso il tempo.

Per questo abbiamo deciso che con il TIR di personalizzati facciamo tutte le pratiche noi – assoziazione Pianeta dei bambini. Abbiamo trovato il magazzino e siamo pronti a presentare la pratica al Dipartimento che ci ha assicurato la massima attenzione.

Il progetto più sostanzioso e più ricco di emozioni è certamente il progetto delle vacanze terapeutiche dei bambini.

Quest’anno il Ministero dell’istruzione bielorusso è venuto con l’ispezione in Italia, e noi ringraziamo il comitato di Vailate e Calvenzano che ha accolto la signora del ministero e ha fatto una bella presentazione del comitato e della Fondazione.

Io quest’anno a luglio ho fatto l’esperienza a Cattolica insieme ad un gruppo di bambini. E ho potuto verificare che i bambini in questo posto veramente stanno da Dio: il sole, il mare, il mangiare sano e vario, e ho potuto constatare ancora una volta che è molto importante il ruolo degli accompagnatori che ultimamente sono sempre più difficile trovare (bravi). Per questo io cerco di soddisfare le vostre richieste degli accompagnatori perchè capisco che per la buona riuscita del progetto di accoglienza terapeutica e del soggiorno dei bambini voi dovete formare una squadra, lavorare insieme e fidarsi uno dell’altro.

Rimangono sempre i problemi con i bambini che sono difficili da gestire, le famiglie italiane che fanno fatica a gestirli e con le accompagnatrici che è sempre più difficile trovare. Tutti gli anni succedono le situazioni di malattie e rotture delle arti. Però noi insieme ad ufficio di Terni cerchiamo e riusciamo sempre a risolvere ogni problema e soddisfare ogni vostra richiesta. E vi vogliamo ringraziare per l’attenzione verso le misure si sicurezza dei bambini.

Sono anche la referente dell’ente autorizzato Rete Speranza che si occupa delle adozioni internazionali in Bielorussia e voglio condividere con voi la gioia che provo ogni volta che partono definitivamente per l’Italia i bambini bielorussi adottati. Quest’anno abbiamo già fatto 10 adozioni e sono in arrivo altre 5. L’anno prossimo dovremmo fare altrettante. Sono contenta di vedere negli ultimi anni al convegno della fondazione sempre più numerosa la presenza dei bambini adottati che rimangono per sempre la parte della famiglia grande della fondazione Aiutiamoli a vivere. E proprio qui sono state adottate da una famiglia di Ala 3 sorelle che sono molto felice vedere.

E come tutti gli anni in occasione del convegno vogliamo premiare i comitati della fondazione. Quest’anno sono 2 comitati per i quali voglio spendere 2 parole.

Tenno. Ospita i bambini dal 1998, più di 300 bambini.

Val di Fiemme. Ospita i bambini dal 1997, quasi 500 bambini.

Hanno sperimentato diversi tipi di accoglienza: ospitalità in famiglia ed in struttura, bambini provenienti da famiglia e da istituti, bambini sani e bambini con handicap ai quali hanno sempre organizzato una bellissima vacanza terapeutica con diverse iniziative, regalando loro la felicità e la gioia di fare parte della vostra comunità, di sentire il vostro amore e il calore dei vostri cuori, di sentirvi vicini.”

La Fondazione è anche ...

Sostienici con il 5x1000