Tir della speranza

Referente Cicoria Aldo - Zanisi Alessandro - Cherubini Enrico

Il Progetto

Premessa

Il progetto TIR DELLA SPERANZA è nato con la Fondazione AIUTIAMOLI A VIVERE.
Si chiama così la spedizione e consegna diretta di aiuti umanitari a orfanotrofi, ospedali, istituzioni, comunità della Bielorussia. Parlare di questo progetto significa parlare della storia della Fondazione: dal 1993 sono state fatte spedizioni annuali di aiuti umanitari, prima con furgoni, poi con Tir e il pullman per i volontari.

L’intervento si realizza come risposta a bisogni conosciuti e valutati, nel rispetto della cultura e delle normative locali, grazie all’impegno di volontari aderenti alla Fondazione. Il progetto persegue attività mirate a soddisfare bisogni immediati ed essenziali come: mangiare, vestirsi, garantire le necessarie condizioni di igiene della persona e dell’ambiente in cui si vive. La Fondazione AIUTIAMOLI A VIVERE ha scelto di gestire il progetto in prospettiva di uno sviluppo, distribuendo gli aiuti direttamente a strutture ben identificate, valutabili e controllabili.
Finalità di Sostegno

Una parte degli aiuti umanitari consegnati (cibo, vestiario, materiale igienico, sanitario e didattico) serve a dare una risposta immediata ai bisogni dei bambini ospiti negli “internati”, negli ospedali o in piccole comunità locali.

Finalità di Promozione dello Sviluppo

Una parte degli aiuti umanitari portati con il T.I.R. della Speranza èlegata a progetti di promozione dello sviluppo e della formazione. Si fa riferimento a forniture mirate di detersivi per bucato e per la pulizia della casa, di detergenti per l’igiene personale, in quegli Istituti già individuati per progetti di promozione dello sviluppo in cui sono state compiute ristrutturazioni di servizi igienici e docce, servizi di lavanderia e di cucina.

La finalità è di garantire un efficace funzionamento delle strutture impiantate (si provvede ad un’annuale manutenzione tecnica delle stesse) nell’ambito di una formazione igienico sanitaria dei bambini ospiti. Altre volte sono aiuti mirati destinati a piccole comunità o orfanotrofi e che fanno parte dei cosiddetti “microprogetti”, vale a dire progetti che nell’ambito delle finalità generali della fondazione sono realizzati da uno o più Comitati locali (fornitura di attrezzature per sartoria, falegnameria, agronomia, depuratori dell’acqua, ecc.).

La scelta della consegna diretta degli aiuti umanitari ai destinatari ha due motivazioni:

Trasparenza, con la documentazione e controllo che il materiale raccolto arrivi ai destinatari
Possibilità di valutare l’adeguatezza del materiale donato in relazione a cultura, abitudini, normative vigenti

Queste valutazioni hanno consentito alla Fondazione, nel tempo, di rendere più efficaci e mirati i propri interventi di sostegno e di individuare anche obiettivi diversi.

Articoli sul progetto Tir della speranza

Informazioni utili ed aggiornamenti sullo stato del progetto

In allegato troverete programma e modalità per l’iscrizione al Progetto Tir della Speranza 2017.


Documenti allegati

  

Si è svolto dal 22/09/2016 al 01/10/2016 il XXV Tir della Speranza per la consegna di aiuti umanitari alle popolazioni in difficoltà della Repubblica di Belarus.

Dieci giorni di continui scarichi di materiale, incontri, animazione e soprattutto di constatazione dell’assoluto bisogno di continuare a sostenere materialmente tale popolazione in estrema difficoltà economica.

La Fondazione Aiutiamoli a Vivere O. N. G. e tutti i volontari coinvolti in tale iniziativa si faranno promotori di relazionare quanto constatato per riattivare la rete della raccolta materiale da destinare agli internati, orfantrofi, case famiglia ed organizzazioni di sostegno delle famiglie bisognose bielorusse da dove provengono tutti i bambini ospitati in Italia.

Venticinque anni di continuo aiuto e sostegno che non dovrà smettere di alimentare concreta solidarietà.

Grazie a tutti i volontari partecipanti, al gruppo clown del Trentino che hanno reso possibile questa XXV edizione e a tutti i Comitati che continueranno a sostenere tale iniziativa.

18 Settembre Giornata della donazione per la realizzazione del 1° TIR della Speranza per le zone terremotate del Centro Italia.

Il 22 Settembre 2016 partirà il XXV TIR della Speranza che porterà in Belarus 2411 paia di scarpe destinata alla popolazione in difficoltà e 35 letti per la Pediatria di Vitebsk.

I volontari del TIR saranno chiamati al lavoro di distribuzione dell’aiuto umanitario ed all’animazione e socializzazione con la popolazione locale delle zone previste dal percorso.

Con un’esperienza ventennale di questi volontari la Fondazione “Aiutiamoli a Vivere” O.n.g. promuove il 1° TIR della Speranza per le zone colpite dal terremoto del Centro Italia invitando tutti i Comitati e le famiglie aderenti ad attivarsi per le giornata del 18 Settembre 2016 con iniziative tese a raccogliere fondi da destinare alla realizzazione del “1° TIR della Speranza”.

Chiunque sia interessato alla partecipazione potrà far pervenire in Fondazione la propria disponibilità; il programma e le date di fattibilità saranno comunicate soltanto dopo l’ottenimento di apposita autorizzazione dagli organi competenti all’operazione.


Documenti allegati

  

Si rimette in allegato tutta la modulistica per partecipare al Tir della Speranza 2016 aggiornato ad oggi.

 


Documenti allegati

    programma del Tir aggiornato e definitivo  

Come ogni anno si riuniscono gli “Amici del Tir” per raccontarsi, confrontarsi e pensando già al prossimo viaggio.

potete prenotare:
Telefonando ai seguenti numeri:
Associazione Aiutiamoli a Vivere Lombardia O.N.L.U.S. 345-3602145 Fondazione Aiutiamoli a Vivere: 0744 – 279560

oppure

Inviando una mail a:
Associazione Aiutiamoli a Vivere Lombardia O.N.L.U.S. : aavlombardia@libero.it Fondazione Aiutiamoli a Vivere : fondaav@tin.it

Sono aperte le iscrizioni al Progetto “Tir della Speranza”2015.


Documenti allegati

  regolamento e scheda di partecipazione  Programma Tir della Speranza 2015
Facebook
Google+
http://www.aiutiamoliavivere.it/i-progetti/sostegno/tir-della-speranza/
Twitter
Invia per e-mail
SHARE